LA FEMMINILITA’ PER ME

 NELLE PIEGHE DI ISSEY MIYAKE 

Ho voluto iniziare affrontando il tema della femminilità  perché è una questione a me cara, e perché trovo che ci sia molta confusione in giro. Volevo fare chiarezza, prima di tutto per me stessa e poi dentro il groviglio di immagini con cui i media ci bombardano e che trovo spesso fuorvianti. Penso sia sempre molto riduttivo guardare in un’unica direzione ed è una cosa che davvero non sopporto, mi fa sentire tremendamente piccola. Ecco perchè ho intenzionalmente cambiato prospettiva dando angolazioni diverse all’obiettivo della macchina fotografica. Due prospettive nel cervello: contemporaneità ed emotività. Due storie davanti agli occhi: male mood e female mood. Sono ossessionata dalla ricerca del significato del termine contemporaneo. Leggo nel dizionario: che presenta coincidenza nel tempo. E non posso non chiedermi cosa significhi oggi creare un’immagine di donna contemporanea, una donna coincidente con il tempo che viviamo. Non è un tempo di sfarzo e nemmeno un tempo di ostentazione. Non è un tempo che ci concede il lusso della superficialità. Non lo è dal punto di vista economico e non lo è dal punto di vista sociale. Per cui non riesco davvero a capire questa continua esibizione di culi e tette e silicone, specie in televisione. Mi fa tristezza, perché prima di tutto significa non capire il contesto in cui ci troviamo. Io penso che la moda, come ogni altra forma d’arte, sia legittimata a guardare al futuro ma non possa restare attaccata al passato. Ecco, se dovessi dare una definizione di cos’è fuori moda direi tutto quello che anacronisticamente non è al passo con i tempi.  Ho cambiato prospettiva e mi sono vestita da uomo, il mio male mood (www.thedummystales.com/male-mood-2). Per dire che non sarà una minigonna, una scollatura, un tacco a definire la mia femminilità. Sarà sempre e solo la mia emotività, il modo in cui sarò capace di rappresentare il mio dentro con il mio fuori. Da quest’altra prospettiva, quella della emotività, ho messo in scena il mio female mood (www.thedummystales.com/female-mood-2/). Piangere è molto femminile. Ed anche guardarsi allo specchio e coprirsi con una pancera è molto femminile. Pur nella consapevolezza che un manichino che inizia a vivere si sa…lo fa in maniera un pò dimessa…

Foto Nils Rossi

Traduzione Chris Alborghetti

THE DUMMY REVEALS ITSELF WHILE WEARING ISSEY MIYAKE PLEATS PLEASE GREY TOP

I have decided to start talking about femininity firstly because it’s a very important topic to me and secondly because, in my opinion, there is so much confusion about it. This is why I needed to clarify this matter, and consequently to go into it in depth. I had to do it for me as much as I had a yen for bringing order to all the images used by the media to bombard us, since I truly believe they are misleading. As I see it, it’s reductive to look at them in this or that way only, and to be honest, I cannot put up with those who do it because they always make me feel a sort of a dime a dozen. That is the reason why I have purposely opted for changing my perspective and in so doing having different camera viewpoints and angles. In a nutshell I have got two different perspectives on my brain, such as the state of being contemporary and the emotionality. Likewise, I have two different stories before my very eyes such as male and female mood. I am obsessed by looking for the meaning of the word contemporary. So I have looked it up in the dictionary which says existing or occurring at the present time. And I cannot even think of me as somebody who doesn’t ask herself what creating a contemporary feminine appearance as well as being a lady at the present time means. In the global world times are getting harder and harder and more and more people’s lifestyles are everything but lavish or ostentatious. We have to consider the economic and the social context we are living in. These are not times for us to be shallow, we cannot afford it at all. Therefore I don’t understand the reason why the media, take telly for instance, keep on showing us bottoms, breasts and silicone. This, on the one hand objectifies women, on the other saddens me a lot since it proves that we do not have a clear understanding of the context we are living in. I believe that fashion, as much as any other forms of art, can look into the future but cannot remain tied to the past. Thus, if I had to define what is unfashionable today, I would say anything that does not actually occur at the present time. I have decided to change the common standards of women’s fashion by wearing men’s garments and that was my male mood (www.thedummystales.com/male-mood-2). A miniskirt, a neckline or high heels will never ever determine my femininity. Rather, only my emotionality will be able to manifest my inner feelings through my outward appearance and as a result to express my femininity. As a consequence I showed off my female mood (www.thedummystales.com/female-mood-2/). Crying is a very feminine way of acting. Analogously, looking at myself in the mirror along with covering myself with a belly-band can be a very feminine way of acting too. Nevertheless, everybody knows that a dummy is not confident in itself especially when it really starts living its life…

Photo by Nils Rossi

Translation by Chris Alborghetti

No Comments Yet.

Write a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *