QUESTIONI ESSENZIALI, IL VIVERE

E’ ESSENZIALE QUESTA GIACCA DI EMPORIO ARMANI?

E’ stato un giorno in cui ripensavo ai miei nonni, alla mia infanzia trascorsa nella campagna veneta verde e fluttuante. Pensavo a quei ritmi, a quei colori, a quei sapori. Immagini lontane nella memoria. Eppure nitide nel cuore. Quello il giorno in cui prepotente ho sentito il bisogno di portare nel mio mondo di adulta un pezzo del mio mondo di bambina. Come fosse un modo per rendere omaggio a insegnamenti ricevuti con amore e pazienza. Con grazia e dedizione. Quando il mio nonno mi spiegava che non bisognava sprecare nulla, perché la fame è una brutta cosa. E lui l’aveva molto sofferta durante la guerra. Quando mi insegnava che le proporzioni, nel cibo come nell’aritmetica, sono regole di ferro e non di pasta frolla. Se sbagliava a far di conto il suo panificio andava in malora. Allo stesso modo se sbagliava a mangiare, troppo o troppo poco, era il corpo ad andare in malora. Questioni essenziali, il vivere. E me lo raccontava curvo sul tavolo della cucina allungandomi tre fette di pane e una sola di prosciutto cotto, sottile e friabile. Una a tre, questione di proporzioni. Questione di un’esistenza più vicina ai fondamentali. Ho cercato di dar voce a quegli insegnamenti fecendone tratti di contemporaneità. Ne è risultata l’intervista a Sara Porro  (www.thedummystales.com/sara-porro-is-essential/) che oltre ad essere una brillante scrittrice e un’affermata food blogger, è una donna saldamente ancorata ai valori essenziali, della vita come del suo lavoro. Con lei abbiamo proprio parlato di un percorso di semplificazione da fare all’interno del cibo. Anche se a voler essere onesti mi sono concessa il privilegio di guardarla da vicino Sara. E in certi istanti mi sono commossa. Poi, nel girovagare sempre troppo vorticoso dei miei pensieri, ha rapito la mia immaginazione la ruota di un vecchio mulino e sono tornati alla mente ricordi passati (www.thedummystales.com/una-storia-di-pane-2/). Solo che a fare il pane questa volta, a giocare con il lievito, l’acqua e la pasta di scarto è stata una meravigliosa Renata (www.thedummystales.com/easy-like-sunday-morning/). Infine mi sono chiesta: ma la moda è davvero essenziale? Ho risposto un secco no. Specie la moda che imperversa nei blog. Veloce, per cui uso tutto e subito dopo butto quello stesso tutto. E ciò che pareva essenziale ieri oggi è già inutile. Fatta di distanze corte, più o meno quelle che separano uno smartphone da un selfie, senza pensiero strutturato e costruttivo. Ecco, quella cosa lì non è moda e tanto meno è essenziale. E provocatoriamente nella mia categoria “fashion” ci sono finiti i Miraggi di Carlo Branz (www.thedummystales.com/i-miraggi-di-carlo-branz/). Corpi, nudi e sfuocati. Nothing but the skin ho intitolato (www.thedummystales.com/nothing-but-the-skin/).  A dire che sentivo l’esigenza forte di togliere sovrastrutture e infrastrutture per vedere di nuovo. Vedere in profondità. Questione di proporzioni, anche qui. Uno a uno. Esattamente bilanciata la proporzione con cui il cuore è stato al cervello in questo percorso.

Foto Nils Rossi

Traduzione Chris Alborghetti

 

THE DUMMY REVEALS ITSELF WHILE WEARING EMPORIO ARMANI GREY JACKET

Today I have thought about my grandparents and my childhood which I spent in the verdant and rolling countryside. I have thought about those rhythms, colours and flavours, I have thought about these images that represent distant memories which are vivid in my heart though. I remember that day in which I felt the need to bring into my adulthood a piece of my childhood. It was a way to pay tribute to the many good teachings I received as well as to those who taught and schooled me with love, patience, grace, great dedication and devotion. This is when my grandpa explained to me that we do not have to waste anything, since starvation is such a bad thing. He himself suffered from hunger during the second world war. He taught me that proportions in food as in maths, follow iron rules and not airy-fairy concepts. If he got his sums wrong, his bakery would have gone to pot. Likewise, if he got his sums wrong food-wise I mean, in other words, if he ate too much or too little, his body would have gone to the dogs. On the whole, these are essential matters in life. He told me that while he was sitting at the kitchen table bent with age, just before passing me three slices of bread and one of thin and crumbly cooked ham. It is a matter of proportions, the ratio is one to three as much as it is a matter of fundamentals and basics of existence. I have tried to give voice to those teachings so as to make them lines of contemporaneity. From that, sprang out the interview to Sara Porro (www.thedummystales.com/sara-porro-is-essential/), who apart from being a brilliant writer is also a successful food blogger. She is a woman firmly anchored to the essential life values like work for instance. We talked about food as something that should go through a process of simplification. To be honest I looked at her closely and I felt deeply moved. Then, while I was meandering anxiously in my thoughts, I realised that an old mill wind mill stole my imagination and it was then when past memories came to mind (www.thedummystales.com/una-storia-di-pane-2/). However, this time, is Renata who makes bread, plays with yeast, water and scrap dough (www.thedummystales.com/easy-like-sunday-morning/). Finally, I wondered whether fashion is really essential and I came to the conclusion that is not at all. Especially that kind of fashion that these days is all the rage in blogs. Thus, what was good, cool and essential yesterday, today is bad, old and out of fashion. It seems that the latest fashion  changes constantly and as a consequence becomes obsolete rapidly, hence disposable. The relationship with this sort of fashion is like the one there is between a smartphone and a selfie, that is, a close-up as well as a thought that is neither structured nor constructive. This sort of stuff is neither fashion nor essential. In my fashion categories we find Carlo Branz’s mirages (www.thedummystales.com/i-miraggi-di-carlo-branz/). Provocative and out of focus nudes which I have named “Nothing but the skin” (www.thedummystales.com/nothing-but-the-skin/) . They portray my need to remove superstructures as much as infrastructures in order to see the light again and to be able to look at things in depth. Once again, it is a matter of proportions, one to one this time, which represents the equality of the two ratios hence the heart is to the brain as this journey is to essential.

 

Photo by Nils Rossi

Translation by Chris Alborghetti

No Comments Yet.

Write a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *