I GIOIELLI FLUIDI DI MAYA SABBATINI

Forme ruvide e linee spezzate. Rotte, sovrapposte, incastrate, stratificate. Suggestioni fatte di gioielli che alludono a certi elementi della natura o a frammenti del corpo umano e traggono ispirazione da una intima visione del reale. Sono rami intrecciati, spigoli pungenti, un cuore strappato dal petto per essere indossato.

“Non disdegno il gioiello pulito, liscio, quello perfetto e lucidato a specchio. Ma non sono le stesse emozioni che mi regala un gioiello all’apparenza rovinato, pieno di piegature, di buchi, quasi fosse scrostato. Mi sento più vicina a questo tipo di estetica, ricevo più stimoli dal lavorare e creare superfici di questo genere piuttosto che superfici piatte.”

Quella dei gioielli è un’arte alla quale Maya Sabbatini si avvicina in modo istintivo, non ragionato o programmato. Da Spoleto, la sua città nativa in Umbria, decide nel 2011 di partire alla volta di Roma per inseguire un cambiamento radicale di vita e assecondare nuove sollecitazioni. E’ qui che si iscrive all’Accademia delle Arti Orafe frequentando un corso intensivo di 6 mesi di gioielleria classica che le permette di apprendere i fondamentali necessari a chi intende fare dei gioielli il proprio mestiere.

La padronanza delle tecniche base di lavorazione della materia le permette di virare con disinvoltura verso forme contemporanee dalla forte identità, dal carattere netto, immediatamente riconoscibili.

Una passione perseguita con tenacia tale da essersi trasformata in un vero e proprio brand che porta il suo nome. Gioielli unici, fatti interamente a mano, pezzo per pezzo, senza l’utilizzo di strumenti o macchinari, col metodo della “cera persa”.

“Questa tecnica consiste nel realizzare dei bozzetti di cera e lavorarli, assemblarli, plasmarli, tutti a mano. Ogni pezzo è differente dall’altro perché io voglio essere un’ artigiana devota all’unicità  del pezzo, non cerco un prodotto fatto in serie, in maniera industriale. Con questa metodologia ho potuto sviluppare forme fluide e morbide assecondando così la mia più profonda inclinazione creativa.”

Gioielli che rivelano un amore fatto con le mani e svelano un senso esplorato delle cose. La materia di cui sono fatti i sogni e le idee.

Maya Sabbatini Jewellery Design  - Instagram  – Facebook 

Foto di copertina: Ph. Novakova Photographer  Model Maya Sabbatini  Mua Micol Bartolucci 

Crystalline Series: Ph. Anna Morosini  Model Margherita Giacopelli  Mua Matteo Decay

3- Golden Leaves Series

Golden Leaves Series: Ph. Anna Morosini  Model Margherita Giacopelli  Mua Matteo Decay

Paper Cut Series: Ph. Gabriele Sedda  Model Melissa Varela  Mua Maya Sabbatini

Paper Scratcher Series: Ph. Gabriele Sedda  Model Melissa Varela  Mua Maya Sabbatini

 

Arteria°Thorns on The Heart: Ph. Anna Morosini  Model Margherita Giacopelli  Mua Matteo Decay

No Comments Yet.

Write a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *