JUST YOU AND ME

Per tutta la vita mi sono sentita a mio agio nell’ombra, non nella luce. Quasi fosse un modo per non disturbare, quasi fosse un modo per scusarmi con la gente, con le cose, con la vita stessa, del mio esserci. Sostare, in mezzo a tanti coni d’ombra, in forma di manichino. Poi, quando due anni fa ho iniziato a scrivere, ho realizzato quanto ombra e luce fossero indissolubilmente legate, parti complementari di una stessa, identica, complessità. Sotto la luce o dentro l’ ombra il mio corpo è diventato una specie di mèdium, un corpo a servizio di un ricerca estetica votata all’autenticità. Un corpo in cui anche cicatrici, fatiche, dolori e tristezze che in esso sono scolpite trovano spazio e legittimazione ad esprimersi. E ho realizzato che infondo mostrare la propria ombra significa mostrare la propria luce. Nello stesso istante. Disturbando.

Questo viaggio così intimo è stato possibile solo grazie alla sensibilità, di donna e di fotografa, di  Sil Conti. Senza, non sarebbe stato. 

Sil Conti, Trust me

Sil Conti, Show me your soul

Sil Conti, No light without shadow

Sil Conti, Bitter sweet

Sil Conti, Mixed blessing

Sil Conti, Cuori elettrici

Sil Conti, Breath

Sil Conti, I made you smile at the end

Il lavoro di  Sil Conti  si può vedere qui: www.silconti.comfacebookinstagram

No Comments Yet.

Write a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *