MARCO CERONI, SLAG

SLAG è un attacco alla realtà dove il panico cerca di arrampicarsi alla superficie delle cose

Si intitola SLAG la mostra di Marco Ceroni (Forlì, 1987) da poco inaugurata alla GALLLERIAPIU’ di Bologna che, fedele alla sua vocazione di spazio pluridisciplinare e articolato che ambisce a tracciare un cambio di paradigma nel modo di intendere e proporre il contemporaneo, è da sempre incline ad accogliere pratiche artistiche che abbiano una forte ricaduta su tematiche strettamente legate all’attualità.

Gallleriapiù, Marco Ceroni, Slag, Exhibition view

Protagonista in questa occasione è la poetica di un autore in cui gli scenari metropolitani, i film di genere e il background personale si mescolano nell’immagine frantumata di un mondo futuribile. La ricerca di Ceroni nasce infatti da una fascinazione per gli spazi e gli ambienti che lo circondano, contesti di cui propone una rilettura avvalendosi di molteplici tecniche e materiali, trovando una dimensione propria sempre in bilico tra reale e verosimile. Quando gli è stato richiesto di collaborare con il museo Carlo Zauli di Faenza, per il progetto di residenza MCZ Territorio, l’artista ha iniziato indagando il contesto a lui più familiare: quello della strada. E per prima cosa ha ripreso alcuni elementi ormai consolidati nella sua pratica, come i componenti dei motorini, in particolare pezzi di carena dell’iconico motorino Booster (MBK 1990).

Gallleriapiù, Marco Ceroni, Slag, Exhibition view

Noto per la cifra innovativa con la quale propone una rilettura del quotidiano disseminato nell’ambiente urbano, Ceroni ha deciso di confrontarsi per la prima volta con la ceramica dando vita a venti sculture uniche in edizione limitata. Ispirandosi alla tecnica del “tuning” (le operazioni di personalizzazione realizzate attraverso l’elaborazione di un veicolo), l’artista altera la carena anteriore del motorino con innesti che evocano il mondo organico, ibridi tra scorie e resti di animali. Elementi prelevati dalla realtà che l’intervento creativo in qualche modo riattiva, riattivandone il potere immaginifico.

Gallleriapiù, Marco Ceroni, Slag, Exhibition view

Per tutta la durata della mostra GALLLERIAPIU’ si trasforma in un Temporary Store per il lancio delle sculture, anche beneficiando dei diversi featuring che sono stati orchestrati per il progetto. L’intera campagna digitale per il lancio della “limited ed.” è opera del fotografo Toni Brugnoli, il display della mostra vede il coinvolgimento per la parte murale dello street artist Giorgio Bartocci e dell’artista visivo Stefano Serretta, il design del packaging e lo sviluppo della brand identity è a cura del graphic designer Gabriele Colia. In mostra anche il video della regista e curatrice Veronica Santi, a metà tra documentazione e spot pubblicitario, che ripercorre il dietro le quinte della produzione di SLAG registrandone le atmosfere.

Gallleriapiù, Marco Ceroni, Slag, Exhibition view

Marco Ceroni, SLAG

GALLLERIAPIU’, Bologna Via del Porto 48 a/b

web site - FacebookInstagram 

26 settembre  - 19 dicembre 2020

 

 

 

Comments are closed.